“Non ci sono ritardi”. Ma le scadenze continuano a saltare

Non ci sono ritardi, assicura il Commissario alla Ricostruzione, Vasco Errani. La veritá è che non una delle decine e decine di scadenze previste dalle leggi e dalle ordinaze sul terremoto é stata, fin qui, rispettata. L’ultimo a saltare è il termine concesso alle Regioni per la perimetrazione dei centri storici e rurali piú danneggiati, dove si dovrà ricostruire seguendo i piani regolatori comunali.

E le perimetrazioni?

È vero che nessuno di questi termini è perentorio, ma se si “bucano” sistematicamente tutti è evidente che qualcosa non funziona o nell’impostazione, o nell’esecuzione dei provvedimenti. L’Ordinanza del 23 maggio di Errani, ad esempio, dava un mese di tempo alle Regioni per individuare le aree urbane più disastrate. Il termine è passato, ma delle perimetrazioni neanche l’ombra.

Se ne riparla a primavera

I tempi, tanto per cambiare, si allungano. I piani per la ricostruzione delle zone rosse dovevano essere definiti dai comuni entro novembre, ma se le Regioni non concludono il loro lavoro i sindaci non possono partire. Anche la microzonazione sismica del territorio dovrebbe concludersi a novembre, ma c’è da scommettere che non tutti saranno pronti. E poi c’è l’inverno, e se va bene nelle zone rosse se ne riparla nella prossima primavera.

Termini impossibili da rispettare 

Destinato a saltare sono anche i termini oggi previsti per presentare i progetti con le domande di contributo per riparare o ricostruire le case. Per i danni leggeri la scadenza è quella del 31 luglio, ma i progetti presentati fin qui sono pochissimi. Ancora di meno quelli per i danni pesanti, che dovrebbero essere consegnati all’Ufficio Ricostruzione entro la fine dell’anno (ma nelle zone rosse, come detto, il quadro delle cose da fare sará chiaro, forse, solo a dicembre).

Proroghe silenziose

Realisticamente entrambi i termini per le domande di ricostruzione salteranno, come sono saltati, e sono stati prorogati, tutti quelli precedenti. Anche per i piani di ricostruzione delle imprese la data è stata rinviata a fine anno. Lo ha stabilito l’Ordinanza n.30, pubblicata pochi giorni fa dal Commissario nel piú totale disinteresse generale. Cambiano le scadenze, cambiano i contenuti dei provvedimenti, cambiano i contratti-tipo per gli appalti e l’affidamento degli incarichi ai professionisti.

E il bello è che nessuno si prende la responsabilità di informare i cittadini. E poi c’è Gentiloni che dice che ai terremotati bisogna dare risposte “immediate ed esaustive”… (M. Sen.)

Check Also

La Corte dei Conti boccia la ricostruzione, spreco infinito

La Corte dei Conti ha acceso un faro investigativo sulla ricostruzione del Centro Italia dopo …

Aggiungi qui il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Send this to a friend