Incarichi ai professionisti, si riparte da capo. Per le delocalizzazioni d’impresa è il caos

A meno di clamorosi ripensamenti, i contratti già assegnati ai professionisti per la ricostruzione delle case private e delle imprese saranno annullati e dovranno essere riscritti e rifirmati. E il rischio che la faticosa ricostruzione rallenti di nuovo è assai concreto. Il Commissario Vasco Errani e la Rete delle Professioni Tecniche hanno firmato il 22 giugno a Roma il nuovo accordo quadro che regola le prestazioni e i compensi di architetti, ingegneri, geologi e geometri, molto diversi da quelli in vigore attualmente, e il nuovo modello di contratto-tipo per l’affidamento degli incarichi.  Un’Ordinanza di Errani già in vigore, la n. 29, prevede espressamente la nullità di quelli siglati in difformità con le nuove regole. E ferme restando le cose, nonostante le perplessità espresse dai professionisti, i contratti dovranno essere rifatti.

Contratti da rifare

Quelli già affidati per la ricostruzione delle case non sono ancora moltissimi, e il problema è tutto sommato risolvibile. Ai cittadini che aspettano i fondi pubblici per ripararle importa fino a un certo punto se il responsabile del progetto prenderà il 9,5 o il 10%, come si ripartiranno i compensi i tecnici coinvolti, o quanti incarichi potranno accumulare. Firmeranno tutto pur di riavere presto la casa.

Il caos per le imprese

Per gli incarichi di delocalizzazione delle imprese, invece, il problema è molto più grosso, perchè lo spostamento in altre aree degli impianti industriali e delle aziende commerciali danneggiate spesso è già avvenuto. E in non pochi casi le prestazioni ai tecnici sono state pure pagate. Il rischio che si generi un contenzioso legale c’è.

Soluzioni

Errani, costretto anche dal susseguirsi delle leggi a ritoccare continuamente il quadro, con una struttura risicata che con tutta la buona volontà fatica a procedere, è consapevole del problema, ma non ha ancora dato risposte. Parteciperà all’assemblea della Rete dei Professionisti e all’incontro con gli ordini territoriali delle regioni coinvolte, il 13 luglio ad Accumoli. In quell’occasione è possibile che ritorni in discussione anche il tetto agli incarichi che i professionisti possono assumere, e si definiranno gli eventuali nuovi correttivi al quadro normativo.

Una nuova Ordinanza (nel frattempo siamo arrivati a 33) è assai probabile. A oggi i vecchi contratti stipulati con i tecnici per la ricostruzione delle case sono fuori legge.

(M. Sen.)

 

Check Also

La Corte dei Conti boccia la ricostruzione, spreco infinito

La Corte dei Conti ha acceso un faro investigativo sulla ricostruzione del Centro Italia dopo …

Aggiungi qui il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Send this to a friend