Danni lievi, contributo massimo di 54 mila euro per una casa di 120 metri quadri

Laquila_citta_vietata.jpg--.jpg

Un contributo massimo di 54 mila euro per la riparazione dei danni lievi in un’abitazione di 120 metri quadri. Dopo quella che stabilisce il prezzario unico interregionale, il Commissario alla ricostruzione Vasco Errani ha emanato l’ordinanza che definisce i costi parametrici, essenziali per determinare l’entità dei contributi pubblici per la riparazione dei danni lievi agli edifici lesionati dal terremoto. I costi ammissibili ai contributiper la ricostruzione, per gli edifici a destinazione prevalentemente residenziale, sono pari al minore tra il costo dell’intervento come risulta dal computo metrico-estimativo contenuto nel progetto ed elaborato in base al prezzario unico, e il costo convenzionale. Quest’ultimo, secondo l’ordinanza numero 8 del Commissario è stabilito in 370 euro al metro quadro più Iva, dunque 407 euro al metro quadro, per le unità immobiliari con superificie utile fino a 120 metri quadri. La superficie compresa tra 120 e 200 metri quadri ha un costo convenzionale, Iva compresa, di 244 euro a metro quadro, per quella eccedente i 200 metri quadri scende a 122 euro al metro quadro. I costi parametrici sono incrementati per gli edifici dichiarati d’interesse culturale (aumento del 20%), per gli edifici vincolati (+10%), per gli immobili ubicati in cantieri disagiati con particolari condizioni (+10%), per alcuni edifici a destinazione prevalentemente produttiva (+10%).

Per la riparazione dei danni lievi, specificati in una precedente ordinanza che trovate qui, negli immobili definiti “non utilizzabili” dalle schede Fast, si possono avviare immediatamente i lavori, seguendo le procedure che vi abbiamo già spiegato.

Per fare un esempio pratico sui rimborsi, se c’è da rifare il tetto di una casa che ha una superficie utile di 120 metri quadri, il contributo è il minore tra il valore che risulta dal computo metrico in base al prezzario e 54 mila euro (407 per 12o mq). Se la casa ha una superficie di 150 mq il contributo è pari al minore tra il valore del computo metrico e 61 mila euro (407 euro x 120 mq più 244 euro per 30 mq).

M.Sen.

Check Also

Dl sisma: niente priorità per ricostruire, saltano i criteri

Salta la norma che prevedeva una ricostruzione differenziata nel Centro Italia colpito dal sisma in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo blog è gestito da Mario Sensini, giornalista. Potete contattarmi a questo indirizzo email: onlinesibilla@gmail.com

Send this to a friend